Il 2015 sarà l’anno dei wearable: l’e-health la killer app

wearable_sTutte le grandi tech-company vantano già in catalogo dispositivi in grado di monitorare parametri vitali ma anche di gestire l’attività fisica in chiave salutare. E grazie al cloud la condivisione dei dati con gli operatori sanitari diventa immediata e apre le porte alla sanità digitale.

Il 2015, con molta probabilità, si appresta a diventare un anno dedicato ai wearable in ogni loro forma, soprattutto smartwatch e wristband, anche se la sottile linea tra l’uno e l’altro sta diventando sempre più labile, con la tendenza a raccogliere queste funzioni in un solo oggetto.

Attualmente la frammentazione tra i vari wearable in circolazione è ancora grande, diversi sistemi operativi e funzioni, con suddivisioni che le dividono in due classi, la prima in cui si trovano device a poco costo e la successiva con dispositivi più complessi e cari che offrono anche funzionalità aggiuntive.

Le grandi case come Apple, Google, Micrososft e Samsung, si sono immerse del tutto in questo business, approntando delle piattaforme per gestire le informazioni che vengono dai loro, ma anche dagli altri device, sostanzialmente abbiamo: l’HealthKit della Apple, il SAMI della Samsung, il Google Fit e il Microsoft Healthvault.

fonte: http://www.corrierecomunicazioni.it

Condividi l'articolo